En De It Fr Es
Click here to fill out out form Richiamare +44 (203) 807-10-87
Слайды3Slide thumbnail

Centro Europeo leader per le coppie gay

Personale altamente qualificato, multilingue

Manager individuale disponibile in qualsiasi momento per voi

Слайды4

Un vasto database di donatori e madri surrogate

Abbinamento con surrogati e donatrici di ovuli gay friendly

L'utilizzo delle più recenti tecniche e migliori metodi

Слайды1

GARANZIA del 100% di risultato positivo

La fecondazione in vitro (FIV) (in vitro significa “in vetro”) – la tecnica della tecnologia riproduttiva assistita. È un processo mediante il quale un ovulo viene fecondato dallo sperma fuori dal corpo. Il processo coinvolge alcune fasi come: monitorare e stimolare il processo ovulatorio di una donna, prelevare gli ovociti dalle ovaie della donna, lasciare gli spermatozoi fecondare gli ovuli in un liquido in un laboratorio. L’ovulo fecondato è in coltura per 2-6 giorni in un terreno di coltura. Dopo che gli ovociti sono coltivati essi vengono impiantati nell’utero di un’altra donna, con l’intento di istituire una gravidanza riuscita.

La tecnica di fecondazione in vitro è molto popolare in maternità surrogata gestazionale tra le coppie gay. Le coppie dello stesso sesso maschili spesso richiedono ovociti donati per la fecondazione in vitro. In questo caso l’ovulo donato fecondato viene impiantato nell’utero di una surrogata e il bambino risultante è geneticamente non collegato alla madre surrogata.

Louise Brown – la prima nascita riuscita di un “bambino in provetta” si è verificata nel 1978. Lei è nata in seguito al ciclo naturale FIV senza fase di stimolazione.

Nel 2010 assegnarono a Robert G. Edwards (fisiologo che ha sviluppato il trattamento) il Premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina. Con la donazione di ovuli e la fecondazione in vitro tutte le coppie e single che si trovano in situazioni diverse per cui non possono diventare genitori, possono diventare genitori.

 

Ci sono cinque fasi di FIV fondamentali:
Fase 1: Stimolazione

Nel ciclo naturale una donna produce un ovulo per mese. Durante la stimolazione i farmaci sono dati alla donna per aumentare la produzione di ovuli e a causa dei farmaci per la fertilità le ovaie iniziano a produrre parecchi ovuli. Durante la stimolazione, la donna sarà sottoposta a regolari visite di controllo (ultrasuoni transvaginale) per esaminare le ovaie, farà esami del sangue per controllare i livelli ormonali e evitare problemi con la salute.

 

Fase 2: Prelievo degli ovociti

Un piccolo intervento chirurgico (aspirazione follicolare) viene fatto per rimuovere gli ovociti dalle ovaie. Alla donna le verranno dati dei farmaci quindi lei non sentirà nulla durante la procedura. Utilizzando immagini a ultrasuoni un ago sottile viene inserito attraverso la vagina nelle ovaie e sacche (follicoli) che contengono gli ovuli. L’ago è collegato a un dispositivo di aspirazione, che tira gli ovociti e il liquido di ogni follicolo, uno alla volta.

 

Fase 3: Inseminazione e Fecondazione

Inseminazione – la miscelazione dello sperma e l’ovulo. Lo sperma dell’uomo è posto insieme agli ovociti di migliore qualità e vengono poi conservati in una camera ecologicamente controllata. Lo sperma più spesso feconda un ovulo poche ore dopo l’inseminazione. L’iniezione di sperma intracitoplasmatica (ICSI) – una cellula spermatozoo viene iniettata direttamente nell’ovulo in caso di basse probabilità di fecondazione.

 

Fase 4: Coltura dell’embrione

Quando l’uovo fertilizzato si divide, diventa un embrione. Entro circa 5 giorni, un embrione normale ha diverse cellule che attivamente si dividono. La diagnosi Genetica Preimpianto(PGD) è la rimozione di una singola cellula da ogni embrione e lo screening del materiale per specifiche malattie genetiche in caso di elevato rischio di trasmissione di una malattia genetica a un bambino. La procedura viene eseguita circa 3-4 giorni dopo la fecondazione.

 

Fase 5: Trasferimento dell’embrione

Gli embrioni vengono inseriti nell’utero della donna 3 – 5 giorni dopo il prelievo degli ovociti e la fecondazione. Il dottore inserisce il catetere contenente gli embrioni nella vagina della donna, attraverso la cervice e fin dentro l’utero. Se un embrione si attacca alla mucosa uterina e cresce, la gravidanza è avvenuta.

 

Nascite multiple

Utilizzando la procedura di fecondazione in vitro ci sono alte probabilità di nascite multiple. Questo è direttamente collegato alla pratica di trasferire embrioni multipli all’atto di trasferimento dell’embrione. Così, in alcuni paesi (ad esempio Gran Bretagna, Belgio) ci sono limiti severi sul numero di embrioni che possono esser trasferiti per ridurre il rischio di multipli di alto livello (tre gemelli o più), ma non sono universalmente seguiti o accettati. La scissione spontanea degli embrioni nell’utero materno dopo il trasferimento può verificarsi, ma questo è raro e porterebbe a gemelli identici.